+-100%

logo_xdamsIl progetto DAMS (Digital Archives and Memory),  finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito del programma Ten-Telecom (Trans European Telecommunications Networks) si è concluso nel maggio del 2004, raggiungendo l’obiettivo di elaborare e di sperimentare tecnologie comunicative che permettessero di accedere al patrimonio archivistico europeo.

In tale ambito, l’Archivio di Stato di Napoli, partner del consorzio europeo che ha promosso il progetto, ha pubblicato su web le banche dati che descrivono il cospicuo patrimonio documentario che conserva.

Quest’obiettivo faceva parte del più generale disegno, che l’Istituto persegue da alcuni anni, di mettere a disposizione del più ampio pubblico la conoscenza dei propri archivi e di consentire l’accesso ai servizi che esso offre anche attraverso gli strumenti offerti dalle moderne tecnologie, andando così incontro a diffuse esigenze di fruizione e di semplificazione.

Pertanto l’Archivio di Stato ha compiuto un accurato lavoro di analisi dell’intero patrimonio documentario e di revisione della sua descrizione, secondo schemi conformi agli standard archivistici internazionali, allo scopo di costituire un sistema informativo che illustri, in forme normalizzate e funzionali allo scambio dei dati, gli archivi e i soggetti (istituzioni, persone, famiglie) da cui essi provengono.

Particolare importanza riveste allora la rappresentazione delle relazioni reciproche fra questi due tipi di entità, relazioni che non sono soltanto da uno a uno, ma spesso anche da molti a molti. Un archivio infatti può comprendere documenti provenienti da più di un soggetto, mentre una stessa istituzione può aver prodotto documenti entrati a far parte di archivi diversi.
Un motore di ricerca orientato sugli elementi descrittivi consente di interrogare le banche dati per individuare le informazioni e i percorsi di navigazione pertinenti agli argomenti di studio.

Home page del progetto:http://www.xdams.org

 

 

 

 

FacebookTwitterGoogle+

ultima revisione: 10 dicembre 2014