+-100%
30 Novembre 2016

Mercoledì 30 novembre alle ore 14.30 nella sala Filangieri si apriranno i lavori del convegno internazionale dedicato alla figura di Ramon Llull, organizzato dalle Università degli Studi di Napoli Federico II e Suor Orsola Benincasa, dall’Archivio di Stato di Napoli, dall’Institut Superior d’Investigació Cooperativa “IVITRA” e dall’Institut Ramon Llull.

 

Varie sono le materie a cui Llull (Palma di Mallorca, 1233 circa –Mediterraneo, 29 giugno 1316) si è dedicato e non è da poco affrontarne l’eco, nei più di sette secoli che ci separano dal suo passaggio, attraverso luoghi e questioni centrali, per il suo tempo e per le epoche successive, fino a oggi e oltre… Anche Napoli appare fra le sue mete. E forse val la pena di cominciare di qui, anche perché è da qui che parte il convegno.

 

L’obiettivo è quello di parlare di Ramon Llull e di sviluppare le linee di ricerca a lui relative, partendo da quanto è stato fatto e cercando di aggiungere qualcosa attraverso una documentazione sempre suscettibile di ampliamenti. Si partirà dal patrimonio storico che troviamo qui a Napoli, non solo dal punto di vista materiale dei monumenti e dei documenti presenti nella città partenopea, ma anche per quanto riguarda la ricerca, perché Napoli è entrata a far parte della rete depositaria della tradizione storica degli studi sul dottore illuminato, grazie al convegno internazionale dal titolo Ramon Llull, il lullismo internazionale, l’Italia, più di 27 anni or sono, e questo è il secondo simposio che Napoli dedica a questa affascinante creatura che nel suo infinito viaggiare vi ha approdato e soggiornato fra il 1294 e il 1295, in frangenti in cui Napoli era sede di un’elezione papale particolare, che recentemente si è riproposta: quella di Bonifacio VIII, dopo la rinuncia di Celestino V, come quella di Francesco I dopo Giovanni Paolo II. E Llull aveva già contemplato il caso di rinuncia al papato nel romanzo Blanquerna. Intanto anche Paolo Sorrentino e il suo pubblico sembrano oggi sensibilizzati a determinate problematiche.

 

Sede del convegno sarà l’Archivio di Stato di Napoli nelle giornate del 30 novembre (ore 14:30-19:00), 2 (ore 9:00-19:00) e 3 dicembre (ore 9:00-13:30).

Il 1° dicembre il convegno si svolgerà per l’intera giornata all’Università Suor Orsola Benincasa (via S. Orsola, 10).

In occasione del convegno l’Archivio di Stato di Napoli ha allestito una piccola mostra di documenti sulla situazione storico politica del Regno al tramonto del XIII secolo, sulla situazione monastico culturale nello stesso periodo, nonché di alcuni testi documentari in catalano, ma del secolo XV.

FacebookTwitterGoogle+

Allegati

ultima revisione: 5 dicembre 2016