Nuove digitalizzazioni

Archivio della “Ricostruzione angioina” disponibile in digitale

26 Marzo 2019

Dalla seconda metà del XVI secolo, lo studio dell’archivio della Cancelleria Sveva (l’unico registro superstite di Federico II per gli anni 1239-1240) e della Cancelleria Angioina (all’epoca ancora ricco di scritture, soprattutto per i regni di Carlo I, Carlo II e Roberto) ha prodotto spogli e lavori archivistici sistematici come i repertori e i notamenti:
– il repertorio dell’unico registro di cancelleria di Federico II dell’anno 1239-1240, opera degli archivisti Vincenti/Sicola e Chiarito;
– i 4 volumi (originariamente 11) di notamenti di Carlo de Lellis;
– i 13 volumi di repertori dell’archivista Pietro Vincenti (1610-1614);
– gli 8 volumi di supplementi ai precedenti repertori compilati dall’archivista Sigismondo Sicola (1673-1710);
– i 2 repertori di Carlo Borrelli, l’indice delle famiglie e delle città del Grifo e i due volumi di Onofrio Sicola (1710) contenenti l’index monasterium;
– i 18 volumi di Michelangelo Chiarito (1759-1763).

Pubblicazione della banca dati relativa ai Catasti Onciari

17 Dicembre 2018

Si comunica che è stata pubblicata la banca dati relativa ai Catasti Onciari.

Il catasto onciario fu uno strumento teso ad eliminare i privilegi goduti dalle classi più abbienti che facevano gravare i tributi fiscali sempre sulle classi più umili e di fatto rappresentò uno dei più brillanti esempi di ripartizione proporzionale del peso fiscale.